Gruppo Grandi Carnivori CAI: un 2019 ricco di attività e impegno

Tra le tante iniziative l'istituzione del premio per allevatori virtuosi Sulla via della coesistenza" e la realizzazione del Diario scolatico sui grandi predatori. Convegno nazionale 2020 in programma il 2 maggio a Pescasseroli (AQ).

7 gennaio 2020 - Anche quest’anno l’attività del Gruppo Grandi Carnivori del CAI è stata intensa ed ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati e pianificati.
Il gruppo a livello centrale si è riunito due volte il 18 maggio 2019 e il 14 dicembre 2019.

Da segnalare:

La realizzazione del convegno nazionale a Vicenza in data 4 aprile 2019 “Lupo e grandi carnivori nelle montagne italiane, opinioni a confronto” con circa 200 partecipanti provenienti da ben 43 sezioni diverse e 8 regioni italiane. Tra i partecipanti va segnalata la nutrita partecipazione dei dottori agronomi e dottori forestali. L’evento ha avuto notevole visibilità ed un ottimo riscontro confermando il notevole lavoro svolto negli ultimi anni e la sempre maggiore considerazione che viene data al CAI su questi delicati temi.

La realizzazione del Diario scolastico “Presenze Silenziose”, un lavoro di grande valore ed impegno, che vuole avvicinare con scritti, disegni accattivanti e foto il mondo dei giovani ed il mondo della scuola attraverso un mezzo –com’è il diario- utilizzato quotidianamente dagli studenti.

La realizzazione del nuovo flyer sulle norme comportamentali da tenere in caso di incontro con i grandi carnivori e con i cani da guardiania dal titolo: “Norme comportamentali per escursionisti responsabili”. Stampato e distribuito in 20.000 copie. Inoltre il contenuto del flyer è stato diffuso in rete con notevoli visualizzazioni da parte degli interessati.
Si sta in più ultimando la versione in inglese, che sarà distribuita attraverso i canali internet quanto prima.

Dopo un lungo iter di preparazione, valutazione e organizzazione si è realizzato e lanciato - ad inizio ottobre 2019 - in tutta Italia il premio “Sulla via della coesistenza”, aperto a tutti gli allevatori e pastori che operano in territorio montano ove ci sia la presenza del Lupo.
Il montepremi è di 5000 euro e la scadenza per la presentazione delle candidature al premio stesso è fissata per il 31 marzo 2020.

Si è lavorato per l’adesione del Club Alpino Italiano al nuovo LIFE Wolfalps, che vedrà il Sodalizio impegnato - nel limite del suo ruolo e competenze - in questa importante esperienza nei prossimi anni.

Si sono realizzati 5 aggiornamenti per aderenti al gruppo, ed in generale per soci CAI interessati.
- In Lombardia con tre uscite in ambiente 13 gennaio (Val Tidone PC) 10 febbraio (Staffora PV) e 23 febbraio (Val Cavargna CO)
- 16 e 17 marzo Parco Naturale del Mont Avic a Champdepraz (Valle D’Aosta)
- 28-29 settembre 2019 Palazzuolo sul Senio (Firenze), presso rifugio I Diacci
- 26-27 ottobre 2019 Entracque (Valle Gesso, Cuneo) in collaborazione con Ente Gestione Aree Protette Alpi Marittime
- 27 ottobre 2019 Altipiano di Asiago VI, presso Malga Verena

Sono state ben 17 le esposizioni della mostra Presenze Silenziose. Longarone BL, Basovizza TS, Lorenzago di Cadore BL, Mestre VE, Asiago VI, Sassuolo MO, Bologna, Modena, Fiorano MO, Sestola MO, Arenzano GE, Parco dell’Orecchiella LU, Fornovolsco (LU), Desenzano del Garda (BS), Castelleone (MN), Somma Lombardo (VA), Carlazzo (CO).
In totale sono ben 68 le esposizioni della mostra dall’inizio nel 2016, con circa 40000 visitatori.

Come sempre sono stati organizzati numerosi convegni e serate divulgative, soprattutto in Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Piemonte, Emilia Romagna e Toscana. Alcuni degli appuntamenti sono stati rivolti al mondo delle scuole con incontri frontali e accompagnamenti in ambiente.
Segnaliamo
- il convegno di carattere interregionale fatto il 31 maggio 2019 a BASOVIZZA (TS)
- l’aggiornamento per titolati accompagnatori di Alpinismo Giovanile lombardi sul tema dei grandi carnivori il 10 novembre 2019 alla Riserva del lago Piano (Carlazzo-CO)
- le numerose serate e conferenza fatte a:
BOLOGNA (numerosi appuntamenti), SASSUOLO (MO), MODENA, ORNAVASSO (VCO), GOZZANO (VCO), VARALLO SESIA (VC), STRESA (VCO), VARALLO SESIA (VC), VERBANIA-PALLANZA (VCO), ARENZANO (GE), DESENZANO DEL GARDA (BS), BARLASSINA (MB), CINISELLO (MI), CASTELLEONE (CR), SOMMA LOMBARDO (VA), CARLAZZO (CO)MIRANO (VE), LORENZAGO DI CADORE (BL), MESTRE (VE), PIAN CANSIGLIO, SULMONA (AQ), ARENZANO (GE), SAN ROMANO IN GARFAGNANA (LU) FORNOVOLSCO (LU), PALLANZA (VCO) serata aperta e dedicata alla formazione dei giovani, CEMBRA (TN), LAVIS (TN), PERGINE VALSUGANA (TN)
e molti altri…

Si sono consolidate o attivate importanti azioni e collaborazioni con gli enti locali, provinciali, regionali e parchi che hanno portato alla costituzione o al rafforzamento di gruppi di soci formati e disponibili ad operare in ambiente a supporto degli stessi.
A tal proposito meritano di essere citati:
- Il gruppo di soci TAM della SAT che da anni lavorano a 360 gradi sulle tematiche inerenti i grandi carnivori, orso e lupo principalmente, con azioni di monitoraggio, di supporto agli enti preposti risultando punto di riferimento importante in Trentino.
- il gruppo creatosi grazie all’attenzione e sinergia della Regione Lombardia e del Gruppo Grandi Carnivori con la disponibilità dei soci locali della Val Camonica ad essere di supporto per il monitoraggio.
- La realtà con capofila la sezione di Crema per l’Oltrepò pavese.
- Il gruppo operativi CAI Veneto che ormai da qualche anno è una realtà consolidata ed apprezzata, che anche nel 2019 è stato impegnato in operazioni di monitoraggio, recupero capi dispersi, realizzazione recinti.
- Le realtà molto apprezzate nella zona VCO e cuneese per il monitoraggio e non solo.
- Il gruppo di soci della sezione di Novi Ligure che da tempo collabora per il monitoraggio del lupo con la gestione delle Aree Protette dell'Appennino Piemontese.
- L’importante collaborazione del Gruppo con ERSAF e Regione Lombardia
- Le numerose collaborazioni del gruppo in Emilia Romagna con Ispra, Wolf Appennine Center, Canis Lupus Italia.
- L’intervento di un nostro referente (Marini) in audizione presso la terza Commissione del Consiglio Regionale della Valle d’Aosta (in data 15 ottobre)

Numerosi articoli sono apparsi sulla stampa sociale, sulla stampa locale e nazionale oltre anche a passaggi su TG Regionali e di altre tv private.
Si segnala il passaggio sul numero 7 della collana CAI -National Geographic “Le Montagne Incantate”
E’ stato redatto un preciso e documentato comunicato stampa per la questione orso M49 con dati e osservazioni che volevano chiarire la situazione e la posizione del CAI.

Il resoconto per l’attività svolta nel 2019 sopra esposto deve essere visto come un riassunto di una miriade di attività che il gruppo, grazie alle sezioni, i gruppi regionali, gli otto e otco, ha portato avanti con tenacia e grande spirito di squadra. Non tutto è riportato ma tutto quanto è stato fatto ha dato corpo e senso all’azione del CAI.
Nel ringraziare tutti quelli che si sono messi in gioco si raccomanda sempre ai soci del Club Alpino Italiano di coordinarsi con il gruppo di lavoro quando si intraprendono attività che riguardano questi delicati temi.

Molte sono le iniziative in cantiere per il 2020, tra le tante segnaliamo in questa sede l’ormai classico appuntamento con il Convegno nazionale e Giornata di studio per i soci CAI 2020:
"La coesistenza millenaria tra uomo e grandi carnivori nell'Appennino. Storia, cultura e buone pratiche" che si terrà sabato 2 maggio 2020 a Pescasseroli (AQ).
Usciranno tutte le informazioni necessarie per registrarsi a fine gennaio 2020. Come sempre invitiamo tutti i soci interessati a partecipare ed approfittare dell’occasione per conoscere meglio i grandi carnivori, ma anche il territorio dell’Abruzzo.
Oltre al convegno, che si terrà sabato 2 maggio, ci sarà la possibilità di fare una breve escursione di mezza giornata domenica 3 maggio in Val Fondillo, primo embrione del Parco Nazionale D’Abruzzo e perla naturalistica di primaria importanza.

Molte altre sono naturalmente le attività in cantiere per il 2020, saranno riproposte le giornate di aggiornamento, la mostra “Presenze Silenziose” continuerà il suo viaggio per l’Italia, non mancheranno conferenze e serate a tema, l’impegno nel supportare gli enti preposti, nel portare avanti i progetti a cui abbiamo aderito, nel cercare il dialogo costruttivo, nell’aiuto agli allevatori (ove richiesto) e molto altro.

Gruppo Grandi Carnivori CAI

Segnala questo articolo su:


Torna indietro