Giornata Mondiale dell’Acqua: Le Gole del Nera e le sue genti

150 escursionisti delle Sezioni di Terni, Foligno, Antrodoco, Roma e Rieti hanno appreso le caratteristiche peculiari del luogo: presenza di numerose grotte, un tempo abitate da eremiti, e soprattutto il rapporto con il fiume avuto dagli abitanti.

Il Fiume Nera

27 marzo 2019 - Beneficiata da una giornata calda e assolata, quasi da inizio estate più che di primavera, domenica 24 marzo 150 partecipanti delle Sezioni di Terni, Foligno, Antrodoco, Roma e Rieti (intervenuta con numerosi soci fra cui il Presidente Quadruccio), si sono ritrovati lungo le Gole del Nera (Narni) per festeggiare la Giornata Mondiale dell'Acqua.

Dal ponte di Augusto a Narni Scalo, dove i partecipanti sono stati accolti dal Presidente Sezione di Terni, Felice Triolo, e fino al piccolo agglomerato di Stifone, sul quella che è la ciclopedonale ricavata dal dismesso tratto ferroviario Roma – Ancona, i partecipanti hanno potuto ammirare e conoscere l’ambiente fluviale del fiume Nera, ravvivato dalle tonalità del verde primaverile della vegetazione e dalle nuove fioriture.

Durante l’escursione il Presidente della Sezione di Terni e l’ORTAM Patrizia Guerrini hanno informato i partecipanti sulle caratteristiche ambientali e storiche delle Gole: presenza di numerose grotte, un tempo abitate da eremiti, e soprattutto il rapporto con il fiume avuto nel tempo dagli abitanti del luogo. A Stifone, dove sono presenti circa una dozzina di sorgenti, anche dentro l’abitato, che alimentano direttamente il bacino fluviale con una portata complessiva superiore a 10 mc/sec., i partecipanti hanno avuto modo di constatare la presenza di canali di derivazione dell’acqua del fiume, utilizzati per il funzionamento delle mole.

La caratteristica colorazione azzurra dello specchio d’acqua, dovuta alla presenza di microalghe, e la notevole trasparenza sui fondali più bassi è stata l’occasione per ricordare ai partecipanti quanto l’acqua sia una risorsa indispensabile alla vita e il cui funzionamento va compreso e gestito in modo sostenibile: interdipendenza tra acqua e clima e tra acqua ed energia.

Dopo una sosta per la colazione al sacco in località Recentino, traversato prima il fiume sul ponte che collega alla parallela via Ortana e percorso un breve tratto di asfalto, si è imboccato il sentiero che, alternando tratti nel bosco e tratti scoperti panoramici sulle Gole e sulla piana ternana, ha condotto i partecipanti all’abitato di Narni, dove si è compiuta la visita dei sotterranei cittadini. Momento che ha permesso di apprezzare il concetto della conoscenza e della scoperta, di come un’attività come la speleologia, fatta da un gruppo di amici per passione e curiosità, abbia consentito di riportare alla luce con gli anni la storia e la cultura delle genti di Narni.

Si è conclusa in questo modo una bellissima e partecipata giornata sul tema dell’acqua sotto la bandiera TAM, di conoscenza a trecentosessanta gradi dell’ambiente delle Gole del Nera e dei suoi abitanti.   

ORTAM Monica Festuccia
OSTAM Angelo Marsini

Segnala questo articolo su:


Torna indietro