Etna, il Cai di Bronte segna i sentieri per gli escursionisti

I soci intendono rendere pronto il versante occidentale del vulcano per l'arrivo dei turisti. L'iniziativa rientra nell'intesa tra Parco dell'Etna e CAI Sicilia.

8 luglio 2016 - C’è la mano del volontariato dietro l’avvio della segnatura dei sentieri escursionistici che attraversano il versante occidentale dell’Etna. Al lavoro ci sono i componenti della sezione del Club alpino italiano di Bronte, cui sono stati affidati circa 35 chilometri di tracciati nell’area tra il territorio brontese – da Piano dei Grilli - e i Comuni di Maletto e Randazzo fino ai 2900 metri di Punta Lucia, ai piedi dei crateri sommitali. «Completare i sentieri etnei con la segnaletica significa migliorare la fruibilità del nostro vulcano», spiega Angelo Spitaleri, presidente del Cai brontese.

L’iniziativa è il frutto di un protocollo di intesa tra Parco dell'Etna, Dipartimento provinciale sviluppo rurale e territoriale (l’ex Azienda Foreste Demaniali) e il Cai Sicilia, attivo nel ripristino della segnaletica escursionistica anche nei restanti parchi e riserve naturali dell’isola. Un altro intervento di rilancio del sistema di fruizione dell’area protetta – la cui zona A è anche Patrimonio Unesco – che, senza il supporto delle associazioni, di fatto sarebbe stato difficile da attuare per le istituzioni - come ribadito in più occasioni dai loro stessi vertici - paralizzate dalla penuria di uomini e risorse.

Le indicazioni di tipo verticale, collocate nei mesi scorsi dall’ente Parco, saranno dunque integrate dalla segnaletica orizzontale, detta anche di conforto, e cioè i segnavia biancorossi usati per indicare la continuità del sentiero e i segnavia a bandiera rosso-bianco-rosso completi anche della numerazione del sentiero, da porre in genere all’inizio del percorso e in prossimità di un bivio. La rinnovata numerazione dei percorsi era stata curata negli anni scorsi proprio dal Cai, un lavoro certosino che sta alla base della nuova carta escursionista del Parco dell’Etna, in distribuzione dall’anno scorso. 

Fonte: meridionews

Segnala questo articolo su:


Torna indietro