“Donne vestite di legno”: Giliola Galvagni presenta il suo libro allo Spazio Alpino della SAT

Appuntamento venerdì 9 febbraio 2018 nell'ambito del Laboratorio Dolomiti Unesco per una storia di amore e di montagna con sullo sfondo i paesaggi del Lagorai.

La copertina del libro

7 febbraio 2018 - “Donne vestite d Legno” (Futura ed.) è una storia d’amore e di montagna con una trama semplice, raccontata per immagini, ma che grazie alla nitidezza del contesto all’interno del quale si svolge la vicenda, rappresenta di fatto una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti del paesaggio del Lagorai.

Una storia che invita a riscoprire quei luoghi, quei silenzi, quel vissuto che si dipana lento, scandito dal ritmo della natura e delle stagioni.

Giliola Galvagni è una scrittrice anomala, scrive per diletto, senza curarsi troppo di ritagliarsi uno spazio letterario proprio, anche se “Donne vestite di legno” quest’anno è stato inserito nell’elenco dei candidati al Premio Itas.

Giliola è una donna altruista e generosa che nella vita fa altro, si occupa di salute mentale con l’associazione Stella Polare, nella assoluta convinzione che quello debba essere il tempo meglio speso per chi ha tempo da spendere.

Sono in pochi infatti a sapere che di libri ne ha già pubblicati parecchi a partire dal 2000: “Ali di carta”, “Racconti inventati di storie vere” ed ancora “La vita ai bordi” sul manicomio di Pergine, nel 2013 “Sotto la neve pane” ed “Il mio cuore batte a sud” con il quale ha vinto il Premio Internazionale Thrinakia.

A presentare l’ultimo romanzo della scrittrice trentina venerdì 9 febbraio alle 18 allo Spazio Alpino SAT gli amici di sempre Luigi Casanova, Claudio Colpo e Italo Bressan.

Comunicato Società degli Alpinisti Tridentini

Segnala questo articolo su:


Torna indietro