“Costruire il Trentino”: premiato il progetto del bivacco al rifugio Pradidali del CAI Treviso

Per la giuria il progetto ha una forma molto semplice, plasmata con piccole e delicate operazioni che la mettono in dialogo con l’intorno naturale e con la preesistenza del bivacco originario.

Il modello esposto a Trento

31 gennaio 2018 - Il progetto del bivacco al rifugio Pradidali (situato a 2278m nel cuore delle Pale di San Martino), commissionato dal CAI Treviso, ha ricevuto venerdì scorso a Trento il Premio “Costruire il Trentino”. Organizzato ogni 4 anni dal Circolo Trentino per l'Architettura Contemporanea e dall'Associazione Architetti Trentini, ha visto quest'anno la partecipazione di 131 progetti, dieci dei quali nominati e quattro di questi premiati. Uno dei quattro è appunto il progetto del bivacco al rifugio Pradidali.

“Il progetto si configura attraverso una forma molto semplice, plasmata con piccole e delicate operazioni che la mettono in dialogo con l’intorno naturale e con la preesistenza del bivacco originario. Ne risulta un esempio di architettura adeguata e radicata al luogo”, recita la motivazione.

Sono stati premiati, oltre al CAI Treviso come committente, i progettisti Giacomo Longo, Lucia Pradel e Andrea Simon e gli esecutori della ditta Fontan.

Sergio Mari Casoni
CAI Treviso

Segnala questo articolo su:


Torna indietro