Corsi e uscite: un anno di arrampicate con il Cai Reggio Emilia e la Scuola Bismantova

Prossima uscita alla falesia di Deiva Marina, in Liguria, il 4 marzo 2018, presentazione del corso il 4 aprile: "la giornata in falesia è un momento ludico, di condivisione, un'attività per il corpo e lo spirito, senza dimenticare la sicurezza".

La falesia di Deiva Marina

1 marzo 2018 - Prosegue anche nel 2018 l'attività per l'arrampicata libera del Cai Reggio Emilia e della Scuola di alpinismo, scialpinismo e arrampicata libera "Bismantova", promossa dalle Sezioni di Reggio Emilia, Sassuolo e Castelnovo ne' Monti.: in programma uscite in alcune belle falesie dell'Italia settentrionale e il Corso di arrampicata libera.

«Il 28 gennaio abbiamo passato una piacevole giornata alla falesia di Garda, su ottimo calcare compatto. Dei tre settori presenti - spiega l'istruttore di alpinismo e di arrampicata libera del Cai Matteo Radighieri - abbiamo scelto quello alto, posizionato su una cengia dalla quale si gode una splendida veduta sul lago e sull’abitato di Garda. La lunghezza dei tiri non supera i 15m e lo stile di arrampicata varia dalle placche con tacche e svasi agli strapiombi ben ammanigliati». All’uscita erano presenti 11 partecipanti, più gli accompagnatori.

Il 4 marzo la meta sarà la falesia di Deiva Marina, in Liguria. La falesia si trova verso l’entroterra ed è costituita da uno sperone roccioso di diaspro rosso che offre diversi stili d’arrampicata, dalla placca allo strapiombo, dall’aderenza, alle tacchette, ai buchi di erosione. Difficoltà varie, dai facili tiri per principianti ai gradi più impegnativi per i più agguerriti.

Prenderà poi il via il Corso di arrampicata libera organizzato dalla Scuola "Bismantova", che si terrà in maggio. Il corso sarà presentato il 4 aprile alle 21:00 nella sede del Cai Reggio Emilia, in viale dei Mille 32.
«Finita l’estate - prosegue Radighieri - avremo l’ultima uscita di arrampicata il 30 settembre sul calcare veronese, alla Placca del Forte. Questa falesia di ottimo calcare grigio, è caratterizzata da placche appoggiate e verticali, intervallate da fessure. Si trova in posizione panoramica sulla Valle dell’Adige. Probabilmente arrampicheremo anche alla Mitria, una piccola falesia sotto la Placca del Forte. Qui si potrà affrontare una placca liscia con qualche fessura e buchetto e dove l’aderenza delle scarpette fa da padrone. Le difficoltà restano comunque medio-facili. Le gite in falesia che proponiamo - spiega Matteo Radighieri - sono aperte a tutti i soci Cai che abbiano una minima conoscenza dell’arrampicata con la corda, a chi abbia da poco terminato un corso in ambiente od in palestra, a chi voglia riprendere ad arrampicare dopo un periodo di fermo, a chi voglia conoscere nuove falesie, a chi cerca compagni di cordata. Non importano le capacità, ma il sapere quello che si sta facendo. Cerchiamo di scegliere falesie adatte a tutti, con tiri facili e più impegnativi. La giornata in falesia è un momento ludico, di condivisione, in un bel ambiente naturale, praticando un attività remunerativa per il corpo e lo spirito. L’ambiente gioviale non deve far dimenticare la sicurezza, fulcro di ogni attività del Cai e sulla quale l’organizzazione resta intransigente».

Le uscite sono inserite nel calendario della sezione Cai di Reggio Emilia. Per i programmi e informazioni: arrampicata@caireggioemilia.it, www.caireggioemilia.it, www.scuolabismantova.it.

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro