Cori di voci femminili per i canti della montagna

Appuntamento dal 27 al 29 luglio con Gran Sasso, Schola Cantorum e Novantanove uniti per 3 concerti all’Aquila e in alta quota

La Corale Gran Sasso

Tre concerti per celebrare la montagna, con la dolcezza e la soavità della musica d’archi e delle voci femminili. I Solisti Aquilani nei giorni 27, 28 e 29 luglio si esibiranno con un coro femminile, formato dalle cantrici delle tre corali storiche dell’Aquila: la Corale Gran Sasso, la Corale Novantanove e la Schola Cantorum San Sisto.

I concerti, nell’ambito del convegno su “L’Evoluzione dell’alpinismo abruzzese” per i 40 anni della prima ascensione al Corno Grande del Gran Sasso, rientrano nelle celebrazioni del 150° anniversario del Cai. A presentare il progetto ideato dal maestro Vittorio Antonellini, fondatore de I Solisti Aquilani, sono stati il presidente dei Solisti Walter Capezzali, il neo direttore artistico Maurizio Cocciolito, e il presidente del Cai L’Aquila, Salvatore Perinetti.

«Siamo felici di questa iniziativa perché con la coralità», ha spiegato Perinetti, «si riscopre la voglia di stare insieme, la parte migliore dell’uomo e la musica è il mezzo più sublime per raccontare la montagna, il luogo dove l’alpinista diventa poeta».

Il 27 il concerto sarà all’Aquila, chiesa di San Giuseppe Artigiano, in centro storico (ore 18.15), domenica 28 invece a quasi 2000 metri, all’hotel Rifugio di Campo imperatore (15.30) e il 29 luglio a Prati di Tivo (Pietracamela, Teramo) all’hotel Miramonti (ore 16).

La peculiarità artistica del progetto è nell’esecuzione di brani di montagna, solitamente affidati a cori maschili a cappella, da parte di un coro di sole voci femminili, accompagnate dal complesso d’archi. Tre brani vedranno anche la partecipazione del soprano solista Annalisa Quaresima. Oltre ai canti della tradizione (tra i quali J’Abruzzu, Sul Cappello e La Pastora con rielaborazione per orchestra) i concerti offriranno brani dedicati al Gran Sasso, al Monte Bianco: saranno eseguite “Sacra Montagna” omaggio al Gran Sasso, con musica e parole del maestro Carlo Mantini, direttore della Corale Gran Sasso e un frammento di P. B. Shelley da “Le voci del sublime” dedicato al Monte Bianco composto dal maestro Carmine Colangeli, direttore della Schola Cantorum SaSisto.

I concerti saranno accompagnati dalla voce recitante di Franco Villani. A dirigere I Solisti Aquilani sarà Vittorio Antonellini che li diresse sul Gran Sasso già nel 1988, nel trentennale della loro attività.

Fonte: Il centro

Segnala questo articolo su:


Torna indietro