Concluso positivamente il 1° Corso di specializzazione AE-EEA organizzato dall’OTTO Escursionismo del CAI Sardegna.

Tra febbraio e marzo 2017 si sono tenute due sessioni ("Neve e ghiaccio" e “Percorsi attrezzati e vie ferrate”) e altre due giornate di approfondimento in montagna. Soddisfatti organizzatori e corsisti.

Una foto del corso

15 marzo 2017 - Domenica 5 marzo 2017 si è concluso positivamente a Nuoro, con la soddisfazione degli organizzatori e dei partecipanti, il 1° Corso di specializzazione AE-EEA, organizzato dall’OTTO Escursionismo Sardegna e promosso dal Gruppo Regionale CAI.
Il corso, diretto dall’ANE Paolo Zambon, past-president della CCE, componente della SRE Lombardia e già Direttore e docente di numerosi Corsi CAI a livello Nazionale, coadiuvato dal vice direttore l’AE-EEA-EAI Peppino Cicalò Past-President del Gruppo Regionale CAI Sardegna e della Sezione di Nuoro di cui ne è uno dei fondatori, si è svolto regolarmente con 2 sessioni, ciascuna di 2 giorni:  la prima il 4 e 5 febbraio e la seconda il 4 e 5 marzo 2017; alle 2 sessioni sono state aggiunte altre 2 giornate di approfondimento.

La prima sessione nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 febbraio 2017: “Neve e ghiaccio”.
A seguito della abbondante nevicata di fine gennaio, la direzione del corso ha deciso di invertire le sessioni anticipando quella relativa a “Neve e ghiaccio” a sabato 4 e 5 febbraio 2017:
Sabato 4 febbraio, presso la sede del CAI di Nuoro, presentazione del corso da parte del Presidente dell’OTTO Escursionismo Sardegna l’AE-EAI Marino Bussu; presentazione dei contenuti del corso da parte del Direttore Paolo Zambon; subito dopo si è tenuta la lezione “Storia ed evoluzione delle via ferrate”, docenza a cura dell’AE-EEA-EAI Peppino Cicalò.
Nel primissimo pomeriggio ci si è trasferiti in montagna per l’uscita in ambiente innevato a Fonni, nelle vicinanze del Bruncu Spina, dove in condizioni meteo non ottimali ma non proibitive e quindi con risvolti “formativi”,  si è proceduto ad effettuare le diverse prove previste a programma ed in particolare: progressione su pendii di neve ghiacciata con utilizzo anche di ramponi e piccozza, prove di auto arresto con la piccozza in caso di scivolamento, auto assicurazione con piccozza e corpo morto).
Domenica 5 febbraio, presso la locale sede del CAI si sono tenute le seguenti lezioni teoriche pratiche:
- “Materiali e equipaggiamento” sia per ambiante innevato che per quello su roccia a cura degli AE-EAI Marino Bussu e Salvatore Cambedda;
- “Tecniche di progressione su neve e terreno ghiacciato”, con particolare riferimento all’esperienza fatta il giorno prima, a cura del Direttore Paolo Zambon.
Inoltre su precise indicazione della direzione del corso, sono state effettuate ulteriori 2 uscite di approfondimento in montagna, una in ambiente innevato ed una su roccia.
1) Giornata di approfondimento su roccia.
Domenica 12 febbraio in Località Lanaittu Su Gurruthone a Oliena con l’assistenza e collaborazione del Gruppo Alpinistico del CAI Sezione di Nuoro, i componenti Peppino Cicalo, Salvatore Cambedda, Carlo Melis, Alfieri Prina e Natalino Burrai si è svolta la seguente attività: nozioni sull’attività motoria di base (schema corporeo e schemi motorio, con particolare riferimento al camminare e all’arrampicare); esercitazione sui nodi e sulle manovre di corda (allestimento di un tratto di sentiero attrezzato con corda fissa; prove di progressione su ferrata con utilizzo del kit da ferrata, prove di discesa in corda doppia con utilizzo della piastrina e dell’auto bloccante, calata assistita con ½ barcaiolo o con la piastrina e rinvio; recupero con utilizzo del paranco semplice e doppio).
2) Giornata di approfondimento in ambiente innevato.
Domenica 19 febbraio: Escursione in ambiente innevato sul Gennargentu, condotta dagli AE-EAI Marino Bussu, Salvatore Cambedda e Peppino Cicalò, nelle immediate vicinanze della cima del Bruncu Spina, sono state effettuate le prove di:
- progressione su terreno innevato  anche con uso di ramponi e piccozza;
- prove di auto arresto con piccozza su pendii ghiacciati;
ancoraggi di sosta con piccozza e corpo morto per auto assicurazione, assicurazione, calata assistita e recupero;
- posa di corda fissa su nevaio.

La seconda sessione nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 marzo 2017: “Percorsi attrezzati e vie ferrate”.
Sabato 4 marzo 2017, in Località Su Gurruthone nella valle di Lanaittu – Oliena (NU), il Direttore del corso Paolo Zambon e il vice Direttore Peppino Cicalò, con l’assistenza e collaborazione del Soccorso Alpino della Sardegna (CNSAS-SASS) e il determinante contributo del vice Direttore della Scuola Regionale del Soccorso Alpino Antonio Basolu e dei tecnici Piero Fancello, Andrea Orlandi e Stefano Goddi, che intendiamo particolarmente ringraziare per la professionalità, disponibilità e simpatia,  hanno attrezzato una ferrata di media difficoltà con corde statiche su tratti di diversa tipologia, su cui gli allievi hanno potuto fare le seguenti prove di verifica:
- progressione in ferrata con utilizzo del relativo Kit;
- discesa in corda doppia con utilizzo della piastrina GiGi e dell’auto bloccante;
- calata assistita con ½ barcaiolo o la piastrina con rinvio;
- recupero con utilizzo del paranco semplice e doppio (“paranco di aiuto” e “paranco doppio con triangolo mobile”).
Nel pomeriggio presso la sede del CAI a Nuoro sono state tenute le seguenti lezioni:
- primo soccorso, svolta a cura della Dottoressa Francesca Addis del 118 di Nuoro che in oltre di 2 ore ha illustrato e informato i partecipanti sulle principali emergenze che possono capitare nelle escursioni effettuate in ambiente montano, provvedendo, anche a dare indicazioni utili e su come l’accompagnatore dovrà allertare i soccorsi e fare gli eventuali primi interventi in attese dei soccorritori. Lezione molto interessante e utile, effettuata in maniera estremamente efficace dalla Dottoressa, alla quale va il più caloroso ringraziamento come pure al Dottor Peppino Paffi e a tutta l’organizzazione del 118.
- conoscenza e conduzione su percorsi attrezzati, gestione di un gruppo su vie ferrate, compresa l’analisi dell’uscita in ambiente effettuata il giorno precedente,  svolta a  cura del Direttore Paolo Zambon.
Domenica 5 marzo, a Nuoro presso la locale sede del CAI, il direttore del corso Paolo Zambon, dopo una breve analisi delle attività svolte il giorno prima e l’esposizione del programma della giornata, ha dato avvio alle prove di valutazione e verifica con prova scritta (30 quiz in 30 minuti) e colloqui individuali.

A fine della mattinata la Direzione - che ha assunto la funzione di Commissione di valutazione (composta dal Direttore e dal vice Direttore del corso) - dopo attenta valutazione delle attività svolte nelle diverse giornate del corso e a seguito degli esiti delle prove scritte (quiz) e di quelle orali (colloquio personale), ha comunicato al presidente dell’OTTO Escursionismo Sardegna e ai presenti che gli allievi, Arbau Michele, Bussu Marino, Cambedda Salvatore, Dessi Marco, Frau Cosimo, Mameli Pierina, Soru Pietro e Sotgiu Salvatore,  hanno superato brillantemente le prove del corso e che pertanto agli stessi viene riconosciuta la qualifica di EEA (Escursionismo Esperti con Attrezzatura - per l’accompagnamento su percorsi misti, attrezzati e su vie ferrate).

A conclusione del Corso, viene consegnato dal Direttore del Corso l’attestato della qualifica EEA ai singoli destinatari. L’Otto Escursionismo del CAI Sardegna intende particolarmente ringraziare per la disponibilità, la competenza e serietà dimostrata dal Direttore ANE Paolo Zambon oltre a sottolineare le grandi qualità culturali e abilità divulgative del viceDirettore Peppino Cicalò,  apprezzato e riconosciuto storico dirigente del CAI sardo.

OTTO Escursionismo CAI Sardegna

Segnala questo articolo su:


Torna indietro