Ciaspolata in rosa sui Monti della Laga: il CAI Amatrice festeggia le donne in chiave montanara

Il 12 marzo 2017 ottantasei persone hanno percorso il nuovo sentiero recentemente ritracciato dalla frazione di Capricchia alla cappellina del Sacro Cuore, ribattezzato "sentiero rosa".

Il gruppo dei partecipanti

15 marzo 2017 - Un foulard rosa legato al collo, sullo zaino, sui collari degli amici a 4 zampe per festeggiare la donna. Lungo un sentiero dei Monti della Laga, il CAI di Amatrice ha voluto celebrare, il 12 marzo 2017, la festa del gentil sesso come accade ormai da 3 anni a questa parte.

Dal 2012, infatti, Catia Clementi e Mariangela Piroli, due socie amatriciane, organizzano una festa della donna in chiave montanara. Infatti scarponi ai piedi e zaino in spalla tutte le donne, naturalmente gli uomini sono benvenuti, si mettono in cammino percorrendo ogni anno una via diversa. Quest’anno il gruppo, composto da 86 persone provenienti da Amatrice, Antrodoco, Ascoli Piceno, L’Aquila, Monterotondo, Rieti, ha percorso un nuovo sentiero riscoperto e ritracciato recentemente dalla frazione di Capricchia alla cappellina del Sacro Cuore.

Quest’anno l’appuntamento si è arricchito di ulteriori significati emotivi a causa dei tragici eventi sismici che hanno colpito la zona dell’alto Tronto. Tuttavia, come sempre dal 24 agosto, il CAI Amatrice non si è fermato ed è andato avanti cercando di far tornare sulle montagne altolaziali appassionati e gente comune. Ciò di cui Amatrice ha bisogno in questo momento è non essere lasciata sola, non essere abbandonata, sentire accanto a sé l’affetto ed il calore di tutti. Vicinanza espressa immediatamente dopo il sisma da tutta la famiglia CAI, una fratellanza della quale ha parlato il presidente amatriciano Salvetta nel suo breve saluto iniziale prima che il gruppo si muovesse sul sentiero che, ancora “anonimo”, si è proposto di ribattezzare “sentiero rosa”.

Scenari mozzafiato, resi ancor più spettacolari dalla neve, hanno fatto da cornice al serpentone di escursionisti che ha raggiunto la chiesetta del Sacro Cuore. Dall’altura si scorge distintamente Amatrice, o quello che ne rimane, e proprio lì c’è stato un momento di raccoglimento dedicato a tutte le vittime della tragedia. Ma come tutti gli amatriciani ormai sanno dal 24 agosto bisogna andare avanti e guardare al futuro: è questo il modo migliore per onorare la memoria di chi non c’è più. E allora per loro e per tutte le donne è stato disegnato sulla neve un enorme cuore contornato da un fiocco rosa: anche questa volta la grande famiglia del CAI ha fatto sentire meno soli gli amici amatriciani.

Francesco Aniballi
CAI Amatrice

Segnala questo articolo su:


Torna indietro