Ciaspolare al Piano di Tarica

Un Socio CAI Chieti segnala un posto tranquillo, panoramico con tante impronte di animali selvatici e un panorama mare monti. Presente inoltre la segnaletica per a visita ai tholos.

Uno scatto della giornata

2 gennaio 2018 - Accumuli di neve ventata, strati ghiacciati, vento forte, aumento della temperatura. Per questi motivi, per sciare con gli sci da Fondo Escursionismo o ciaspolare, pur con poca neve, meglio un posto tranquillo, panoramico con tante impronte di animali selvatici e un panorama mare monti.

La località? Il Piano di Tarica che si raggiunge dalla località di Passo Lanciano CH, (1343 m) con la carrareccia che arriva a Serramonacesca PE. Il paesaggio è accattivante con saliscendi e ottima segnaletica. Lo sguardo osserva il massiccio del Gran Sasso, il Morrone, le cime della Maiella, il Sirente, il Velino, la Laga, la Montagna dei Fiori, il Vettore, le montagne del parco ed il mare.

Purtroppo il solito imbecille ha voluto esibirsi, percorrendo la carrareccia con una vettura. Anzi al ritorno, alla piana, c’erano più impronte circolari. Questo divertirsi maniacale ha disturbato l’ambiente, la flora e la fauna.

Questa località offre, seguendo la segnaletica del parco CP (Capanne in pietra a secco), la visita ai tholos.

  • Dislivello 250 metri
  • Distanza 9 KM
  • Tempo 4 ore
  • Difficoltà EAI


Le foto sono visualizzabili qui.

Luciano Pellegrini
CAI Chieti

Segnala questo articolo su:


Torna indietro