CAI Vittorio Veneto, ultima serata culturale sulla Grande Guerra

Mercoledì 7 marzo 2018 in programma "Guerra di immagini", con Silvia Bevilacqua: immagini (copertine e illustrazione di giornali, fumetti e cartoline)che per la prima volta non solo documentarono, ma parteciparono al conflitto.

Il manifesto della serata

5 marzo 2018 - Il CAI Vittorio Veneto organizza mercoledì 7 marzo la quarta ed ultima serata culturale, alle ore 20.45 presso la Biblioteca Civica di Piazza Giovanni Paolo I,con ingresso libero. Quest'anno nella ricorrenza del centenario della fine della Grande Guerra non poteva mancare una serata dedicata a questo evento.

L'ospite della serata sarà la Professoressa Silvia Bevilacqua, che ci farà scoprire altri aspetti della Grande Guerra, attraverso le immagini, l’arte in genere, la comunicazione e naturalmente la storia di questo tragico evento. Di seguito una breve presentazione.

Serate Culturali 2018 - 'GUERRA DI IMMAGINI' di Silvia Bevilacqua
"Pittura, grafica, fotografia, la Grande Guerra raccontata con le immagini". La Grande Guerra è stata la prima guerra raccontata attraverso una mole immensa di materiali e tra questi, una notevole importanza hanno avuto i dipinti, le copertine e le illustrazione dei giornali, i fumetti, le cartoline e soprattutto la fotografia che per la prima volta non solo documenta, ma davvero partecipa al conflitto. La prima Guerra Mondiale è quindi anche guerra d'immagini, sincere o costruite, personali o di propaganda che esprimono le tensioni e le novità del dibattito artistico che tra Ottocento e Novecento è stato particolarmente vivace portando l'Europa ad esprimersi attraverso linguaggi assai contrastanti. In occasione del Centenario si propone di fare memoria dell'immane tragedia umana e anche ambientale con una serata che introdurrà le modalità con cui l'uomo ha raccontato la guerra lungo i secoli, precisano i caratteri della pittura di storia dell'Ottocento, per mettere in luce quanto la Grande Guerra sia stata una guerra moderna anche nella comunicazione visiva; un percorso che intreccia le vette Dolomitiche e il cuore della Marmolada, i bombardamenti aerei e ponti di barche sul Piave, per riconoscere il nostro territorio con gli occhi e la memoria dei pittori, dei fotografi e degli illustratori di cento anni fa.

CAI Vittorio Veneto

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro