Cai Reggio Emilia, firmata la convenzione per la manutenzione e promozione della rete escursionistica con il Comune di Baiso

L'Appennino reggiano, come le altre Terre alte, può diventare una meta ancora più frequentata nell'estate da poco iniziata. In questa ottica assume ancora più valore il rinnovo di una convenzione per valorizzare la sentieristica.

La firma della convenzione

3 luglio 2020 - Questa mattina il Comune di Baiso, nella persona del sindaco Fabrizio Corti e delle Assessore Vanessa Piccinini e Giuseppina Ferretti, ha rinnovato la convenzione con la Sezione reggiana del Cai per la manutenzione e promozione della rete escursionistica comunale. Per il Cai erano presenti il presidente Carlo Possa e Sandro Ovi della Commissione Sentieri.

Corti è ben conscio del fatto che "l'Appennino, dopo il lungo periodo di lockdown, ritorna ad essere una meta ambita per il nuovo turismo. La sentieristica, di conseguenza, diventa uno dei principali elementi che vogliamo valorizzare. Baiso guarda al turismo del futuro ed è proprio in questa prospettiva che oggi abbiamo rinnovato la convenzione con il Cai".

L'entusiasmo e l'impegno volontaristico da sempre caratterizzano il Cai rendendolo un'eccellenza nel panorama associazionistico italiano.
Così l'Assessora Piccinini: "I volontari dell'associazione hanno permesso di realizzare nel tempo un ampio ventaglio di opere a favore della montagna e dei suoi frequentatori, quali ad esempio rifugi, bivacchi, sentieri, rimboschimenti. Il fatto che, almeno per un il momento, non si possa guardare a mete vacanziere troppo lontane speriamo sia l'occasione per far riscoprire le bellezze naturali di casa nostra che, molto spesso, purtroppo, ancora ignoriamo. Speriamo che Baiso, come tanti comuni montani dell'Appennino Reggiano, possa diventare una sorprendente riscoperta".

Conclude ancora il sindaco: "la convenzione Cai - Comune di Baiso, ribadisce l'impegno posto dall'amministrazione per valorizzare ed incentivare il territorio come una delle mete più ricche dell'Appennino, sia dal punto di vista paesaggistico, sia da quello mineralogico che geologico, ma anche  l'occasione per dimostrare quanto sia grande l'amore e il rispetto dei cittadini per l'ambiente, che rende il nostro comune unico nel suo genere".

Cai Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro