CAI Novellara, Denis Urubko apre "Tra le vette e il cielo" 2019

Il 20 febbraio 2019 serata denominata "Avventura ad alta quota", con l'intervento del quindicesimo uomo ad aver salito tutti i quattordici ottomila, nono ad averli scalati senza ossigeno.

Denis Urubko

18 febbraio 2019 - Torna anche quest’anno la rassegna “Tra le vette e il cielo” che la Sottosezione del Club alpino italiano di Novellara organizza in collaborazione con il Comune di Novellara.
Inizia mercoledì 20 febbraio con Avventura ad alta quota, ospite l’alpinista di fama mondiale Denis Urubko, diventato, nel 2009, il quindicesimo uomo ad aver salito tutti i quattordici ottomila e il nono ad averli scalati senza ossigeno.

Urubko, in compagnia di Simone Moro, ha realizzato la prima salita invernale di due ottomila, il Makalu e il Gasherbrum II, e ha aperto nuove vie su tre giganti della Terra.

Nato il 29 luglio 1973 a Nevinnomyssk, città russa situata nella pianura a nord della catena montuosa del Caucaso, ha scoperto la montagna da piccolo, nell’andare col padre a cercare funghi e a pescare. È nel corso di queste escursioni che si è innamorato dell’avventura e della libertà, le stesse che più tardi lo hanno spinto a praticare l’alpinismo. Dopo essersi appassionato al teatro e alla recitazione, a vent’anni si trasferisce in Kazakistan per arruolarsi nel gruppo sportivo militare e dedicarsi a tempo pieno all’alpinismo.
Nel 1999 viene contattato da Simone Moro e Mario Curnis per compiere la salita dei cinque settemila della Russia, impresa che riesce a completare in 42 giorni. È sempre Simone Moro che lo introduce alla scalata delle Alpi e dell’Himalaya, con la salita dell’Everest del 2000. Da quel momento inizia un periodo di intense spedizioni sempre caratterizzate da integrità etica totale.

Oggi Urubko ha molti altri obiettivi: fare il maggior numero di salite sugli ottomila (superando il record di 26 detenuto da Juanito Oiarzabal, alpinista spagnolo), considerare le ascensioni in velocità, studiare nuove linee di salita. Parla discretamente l’italiano e da alcuni anni vive con la famiglia a Nembro, un paese non molto distante da Bergamo.

Appuntamento al teatro “Franco Tagliavini” di Novellara, ore 21.00. L’ingresso è libero.

CAI Novellara

Segnala questo articolo su:


Torna indietro