CAI Novara, tutti pazzi per le grotte dopo la scoperta a Macugnaga

La grotta glaciale più lunga delle Alpi ha fatto esplodere a Novara la passione per la speleologia

Nel ventre di «Effimera»

Un’impresa che continua ad affascinare. La scoperta della grotta glaciale più lunga delle Alpi ha fatto esplodere a Novara la passione per la speleologia. E cavità, anfratti nella roccia e nel ghiaccio potranno essere esplorati con sicurezza dopo il corso di speleologia del Gruppo Grotte del Cai. «Il ciclo di lezioni - dice il direttore del corso Gian Domenico Cella - inizierà il 15 marzo nella sede di vicolo Santo Spirito 4 a Novara, con una serata introduttiva focalizzata sul materiale tecnico individuale».

L’interesse per il mondo dell’underground ha registrato un incremento significativo dal novembre scorso quando gli speleologi novaresi Juri Bertona, Valerio e Lia Botta, York Cavallari, Gian Domenico Cella, Luciano Galimberti, Cesare Galli, Ettore Ghielmetti, Fiorenzo Guiglia, Alex Mancin riuscirono ad individuare ed esplorare la più lunga grotta glaciale dell’arco alpino, rinvenuta alle pendici del Monte Rosa, sotto al ghiacciaio del Belvedere di Macugnaga: «L’effetto traino di quell’impresa - dice Cella - è ancora percepibile a distanza di mesi. Gli speleologi del Gruppo Grotte Novara vengono continuamente invitati a raccontare i dettagli di quell’exploit».

Gli esperti del sottosuolo sono attivi anche in Bosnia Erzegovina: «Dal 2010 - dice Cella - partecipiamo al rilevamento della Govjetica, la più lunga grotta della zona, a 30 chilometri ad Est di Sarajevo. Nella cavità di oltre 7,7 chilometri, per il sesiano ingegnere chimico Simone Milanolo, è anche scoccata la scintilla dell’amore: si è sposato con la docente universitaria bosniaca Amila ed ha pure cambiato religione pur di stare vicino alla sua amata».

Il corso proseguirà fino al 17 maggio. La consegna dei diplomi da speleologo è in calendario per il 28 maggio: «Oltre alle lezioni teoriche, sono previste cinque uscite pratiche - conclude Cella -. L’attività di palestra per tradizione è ospitata in una sala attrezzata di una cascina del Novarese».

Fonte: La Stampa.it Novara

Segnala questo articolo su:


Torna indietro