CAI Imperia, iniziate le attività 2020 per i bambini

Il 22 e il 23 febbraio weekend in salsa primaverile al Rifugio Allavena per ragazzi, accompagnatori e genitori, con visita alla diga di Tenarda ed escursione naturalistica. Toccata la neve (anche con i piedi nudi) solo sulla cima del monte Grai.

Scarponcini nella neve sul Monte Grai

4 marzo 2020 - Si chiamava “Winter CAI Family” la prima uscita 2020 dell’Alpinismo giovanile del CAI Imperia, anche se in realtà si è svolta con una temperatura quasi primaverile. Programmato nel fine settimana del 22-23 febbraio, l’appuntamento, che ha previsto il pernottamento al Rifugio Allavena (Colle Melosa) non ha permesso ai bambini e ai genitori di praticare lo sci da fondo come previsto, ma, come raccontano gli organizzatori, “si è rivelato comunque molto interessante”.

Grazie alla Società Amaie di Sanremo, i piccoli, dopo essere partiti dal colle Belenda con gli scarponcini ai piedi, hanno avuto la possibilità di visitare la diga di Tenarda, alta 33 metri e lunga 195 e ammirare il panorama dal Poggio Tenarda.

Come accennato sopra, grandi e piccini hanno dormito al Rifugio Allavena, aperto apposta per loro dalla Sezione proprietaria, il CAI Bordighera. Qui non ci poteva essere occasione migliore per festeggiare il compleanno di Marta (9 anni) e per costruire a delle maschere da Carnevale. Proposto anche qualche esercizio di cartografia sulla mappa.

La domenica di nuovo scarponcini ai piedi per andare in escursione insieme ai Carabinieri Forestali di Rocchetta Nervina che, usando sempre le parole degli accompagnatori, “ci hanno spiegato l'importanza della salvaguardia dell'ambiente, con particolare riferimento alla gestione del bosco, alla flora e alla fauna locale”.

I piccoli protagonisti hanno raggiunto i 2012 metri della vetta del Monte Grai, sulla quale, finalmente, hanno trovato un po’ di neve nella quale posare gli scarponcini. Anzi, vista la temperatura, qualche ragazzina ha voluto anche “far assaggiare” alla neve i propri piedi nudi!

“Un grazie particolare ai numerosi ragazzi e genitori che con il loro entusiasmo ci dimostrano ogni volta che stiamo percorrendo la strada giusta”, concludono dalla Sezione.

Lorenzo Arduini

Segnala questo articolo su:


Torna indietro