CAI e Parchi, una due giorni a Milano

Il 26 giugno in programma il focus sui Parchi regionali, il giorno seguente l'Assemblea ordinaria annuale di Federparchi in Regione

Il Parco regionale dell'Appennino Tosco - emiliano

Due pieni giorni di impegno della Federparchi-Europarc Italia a Milano. Il 26 giugno in programma un focus sui Parchi regionali che si terrà nell'auditorium Testori, in piazza Lombardia. Il 27 giugno è convocata l'Assemblea ordinaria annuale di Federparchi a Palazzo Pirelli.

L'appuntamento del 26 giugno pone l'accento sulla delicata situazione di Parchi regionali che rischiano di perdere identità e finalità; inoltre un ulteriore passaggio che avvicina agli stati generali delle aree protette e segue gli eventi di Roma (29 gennaio – Parchi, proposte e alleanze), Poppi (13 aprile – Cittadini, comunità e parchi) e Olbia (18 maggio - Aree marine protette eRete Natura 2000).

L'inizio dei lavori è fissato alle 9,00, con le introduzioni di Eleonora Frigerio (coordinatrice di Federparchi Lombardia) e Fabrizio Giuliani, membro della Giuntaesecutiva di Federparchi, poi la parola ad Antonello Zulberti, che coordinerà l'incontro. Una decina gliinterventi previsti. Nell'ordine Marco Cirillo (sottosegretario al Ministero dell'Ambiente), Aldo  Bonomi (presidente del consorzio Aaaster), Stefano Masini (responsabile ambiente di Coldiretti), Luca Quagliotti (Cgil Funzione Pubblica). A seguire sarà data la parola agli altri partecipanti. Conclusioni affidate ad Agostino Agostinelli, vicepresidente di Federparchi.

Nel pomeriggio, dopo la pausa-pranzo, tavola rotonda con i protagonisti dei territori. Tema: "Il futuro dei parchi regionali". Coordinerà Lucia Venturi, numero uno di Federparchi Toscana. Tra i partecipanti, oltre al presidente nazionale di Federparchi Giampiero Sammuri, Anna Rita Bramerini, assessore all'ambiente della Regione Toscana, Renata Briano (assessore all'ambiente della Regione Liguria), Mariella Lo Bello (assessore all'ambiente della Regione Sicilia), Claudia Terzi  (assessore all'ambiente della Regione Lombardia) e Gianluca Vignale (assessore all'economia verde della Regione Piemonte). Quest'ultimo, in attesa di conferma.

Molte Regioni, con decisioni che fanno riferimento  ai Bilanci di previsione, vogliono sopprimere gli Enti parco regionali. E' un problema nazionale che dalla Liguria, attraversa Alpi e Appennino.
Le strutture regionali del Cai sono impegnate nel confronto per riflettere e ragionare su dati reali,  su efficienza ed organizzazione, razionalizzando attività e spese. C'è attenzione al coordinamento delle azioni e alla semplificazione per migliorare il valore dei beni e la qualità dei servizi senza perdere l'autonomia e la specificità dei territori, con le popolazioni locali protagoniste di scelte e gestione.

La presenza di aree protette è un'opportunità di crescita socio-economica per ogni territorio, dove poter conservare biodiversità, paesaggio e segni culturali. C'è necessità di impegnarsi per un rilancio del  sistema dei parchi e delle aree protette definendo azioni efficaci frutto della collaborazione tra Parchi nazionali, regionali e ogni altra area protetta, destinando le risorse necessarie (umane ed economiche) ad un grande ed unitario progetto per la conservazione e la salvaguardia della biodiversità, guardando a sostenibilità e qualità della vita.

Il 27 giugno l'Assemblea ordinaria di Federparchi si terrà a palazzo Pirelli, a Milano, nella sede della Regione Lombardia, sala del Gonfalone. All'ordine del giorno l'approvazione del bilancio consuntivo dell'esercizio finanziario 2012 e la fase di avvicinamento alla conferenza nazionale delle aree protette. Sarà l'occasione per porre alcune considerazioni sulla giornata "in  Cammino nei Parchi" del 26 maggio e sulle intese Cai-Parchi con le recenti ultime due sottoscritte il 1 giugno a La Spezia.

Filippo Di Donato

Segnala questo articolo su:


Torna indietro