CAI Calco, una castagnata all'insegna dei bambini e della loro frequentazione della montagna

200 persone hanno partecipato all'evento nell'area Nava di Porchera domenica 8 ottobre 2017. Tante attività divertenti ed educative per i più piccoli, un dibattito sulla frequentazione delle terre alte con la famiglia per i più grandi.

Il gioco "La lunga vita dei rifiuti"

10 ottobre 2017 - Circa 200 persone hanno partecipato domenica scorsa all'annuale castagnata del CAI Calco nell'area Nava di Porchera. Ogni anno gli organizzatori calibrano questo appuntamento con un occhio di riguarda per i più piccoli, quest'anno più che mai.

Al mattino infatti, mentre i “grandi” erano impegnati nella pulizia dei sentieri, i piccoli della Sezione hanno effettuato una passeggiata con Franco Orsenigo denominata "Miti e leggende degli alberi", organizzata dall'Associazione Monte di Brianza.

Dopo pranzo, oltre alla classica raccolta delle castagne i bambini sono stati intrattenuti con diversi giochi: dalla carrucola, al gioco "La lunga vita dei rifiuti", nel quale, come spiega l'Accompagnatrice Daniela Scerri, “i piccoli, che indossano un imbrago legato con elastici al punto di partenza, devono raggiungere dei rifiuti che sono messi a distanze diverse a seconda del tempo necessario alla loro decomposizione. Per esempio la carta è vicina, raggiungibile senza tendere al massimo l'elastico perché si decompone in fretta. Il vetro invece è più lontano, per provare a raggiungerlo l'elastico si tende al massimo perché ci vogliono 4000 anni per farlo decomporre totalmente. I rifiuti che abbiamo messo sono stati la carta, le sigarette, la plastica e il vetro, un modo ludico e divertente per sensibilizzare i bambini verso l'inquinamento e l'ambiente”.

Dall'”Uccello di fuoco da costruire e lanciare” (“fatto con un pugno di riso chiuso dentro a una stoffa con tante code, si lancia in aria come un giavellotto e vola nel cielo”, racconta sempre Daniela) al labirinto di corde, per arrivare alla grotta artificiale dove entrare muniti di caschetto. Il geologo Luca Corno ha spiegato ai piccoli le caratteristiche delle rocce e dell'ambiente grotta.

Mentre i ragazzi erano più che impegnati in tutte queste attività, i “grandi” hanno tenuto un dibattito dal titolo "In montagna con la famiglia", dedicato a chi ama andare in montagna con i figli. Sono intervenuti Walter Corno (presidente CAI Calco), Martino Brambilla (Accompagantore nazionale AG e Presidente Commissione regionale per l'Alpinismo Giovanile), Fabio Renna e Luca Arzuffi, autori della collana "44 Passi - le guide per famiglie dinamiche ed amanti della natura" e Dolores de Felice (Accompagnatrice Nazionale di A.G. e Operatore Naturalistico Nazionale del Cai SEM). Si è discusso dell'importanza da parte dei genitori di portare i propri figli in montagna e del valore aggiunto di iscriverli ad un corso di alpinismo giovanile per trasmettere loro i valori fondanti del progetto educativo CAI.

Lorenzo Arduini    
(Si ringrazia per la collaborazione Daniela Scerri, CAI Calco)

Segnala questo articolo su:


Torna indietro