CAI Acireale, l'alpinismo giovanile tra vecchie ferrovie e parchi avventura

Il 12 giugno 2016 i ragazzi hanno percorso con gli scarponcini ai piedi tutto il binario della vecchia ferrovia da Grotta a Mortara per visitare poi la Grotta dello "Scannato". Il gruppo, il 29 maggio, aveva visitato il Parco Avventura di Nicolosi.

Il gruppo al Parco avventura

Domenica 12 giugno 2016 si è svolta un'escursione dell'alpinismo giovanile della Sezione di Acireale del Club Alpino italiano nel litorale locale. I ragazzi, accompagnati da Salvo Spina e Antonio Cucuccio, con la collaborazione di un genitore, Paola Sapia, hanno percorso tutto il binario della vecchia ferrovia da Grotta a Mortara.

Qui, in un altarino abbandonato della "Madonna di Valverde" è stata posta una targa ricordo con la recita di una preghiera. Successivamente il gruppo, attraverso antiche trazzere, si è spostato nella Grotta dello "Scannato" esplorandola tutta e facendo l'incontro con qualche dormiente pipistrello.

La giornata si è conclusa con l'arrivo a S.Tecla dove, presso la "fiera per i bambini inizio estate", organizzata dalla socia CAI Gae Motta, il nostro accompagnatore Nello Russo aveva predisposto una postazione dell'Alpinismo Giovanile acese.

La giornata ha seguito l'escursione sul tema del "gioco" presso il Parco Avventura dei monti Rossi di Nicolosi (Etna sud), organizzata il 29 maggio 2016. I ragazzi sono stati guidati dagli accompagnatori Nello Russo, Salvatore Spina, Rosario Arcidiacono, Giovanni Coco e Antonino Cucuccio, con la collaborazione di Nino Mazzaglia.

CAI Acireale

Segnala questo articolo su:


Torna indietro