CAI Abruzzo, grande adesione al Corso per Accompagnatori di Escursionismo

Ottanta richieste di partecipazione per il Corso la cui sessione preliminare si è tenuta il 16 e 17 dicembre 2017, anche da fuori regione: "l'Appennino è compatto nel promuovere e gestire l'Escursionismo naturalistico e culturale".

La sessione preliminare di Popoli

20 dicembre 2017 - Incontro Giuseppe Celenza, Direttore del 6° Corso per AE voluto dal Cai Abruzzo e dalla Commissione regionale Escursionismo e mi informa che sono diventate 80 le richieste di partecipazione al Corso 2017/18, organizzato dalla Scuola Escursionismo d'Abruzzo.

L'Appennino ha risposto alla grande a questa proposta formativa di nuovi AE. E' il segno del cambiamento di indirizzo nazionale e si raccolgono i primi frutti con il Cai potentemente in crescita nel volontariato e nelle motivazioni. L'Escursionismo è una efficace opportunità per scoprire e conoscere il territorio, incontrare le popolazioni e promuovere tutela e consapevolezza, guardando al futuro e ai giovani.

Come ci regoliamo adesso? chiede Celenza, tra soddisfazione ed emozione. Il corretto svolgimento di un Corso impone infatti un limite al numero dei partecipanti. Le adesioni sono giunte numerose dall'Abruzzo e poi irrobustite da soci delle Marche, Lazio, Molise e dalla Puglia, a sottolineare il senso del dialogo e della condivisione. Subito ci rivolgiamo alla Commissione Centrale Escursionismo, al Presidente Armando Lanoce e troviamo la soluzione sia ammettendo a questo Corso alcuni soci di altra Regione, sia con l'organizzazione di un prossimo altro Corso per AE.

In Abruzzo sabato 16 e domenica 17 dicembre 2017 si è svolta la sessione preliminare per l’accertamento dei requisiti dei candidati, seguiti da Gaetano Falcone, Presidente Cai Abruzzo. Ci siamo ritrovati a Popoli, assistiti da Carlo Diodati nella doppia veste di Presidente di Sezione e AE, tra i monti del Parco nazionale della Majella, a Impianezza, una volta fiorente struttura della Forestale e Centro del Lupo.

Il freddo intenso, accompagnato anche da qualche fiocco di neve non ha scoraggiato nessuno e, suddivisi i partecipanti in gruppi, sono stati trattati tutti gli aspetti teorici e pratici previsti. Hanno partecipato soci delle Sezioni Cai d'Abruzzo, Molise e Puglia. E' stato posto l'accento sui nuovi dinamici indirizzi del Cai nazionale che chiede presenza e risposte efficaci, attento a favorire la partecipazione alle attività e alla formazione di soci giovani.

Nel colloquio si è fatto riferimento a contenuti e messaggi del Manuale Cai "Montagna da vivere - Montagna da conoscere", per frequentarla con rispetto e consapevolezza e a quelli del "Bidecalogo" con le Linee di indirizzo e autoregolamentazione del Cai in materia di ambiente e tutela del paesaggio. Competenza e consapevolezza sono determinanti nell'accompagnamento di gruppi e per il rispetto dei luoghi attraversati. I paesi montani sono le porte di accesso alla montagna, con le sedi delle Sezioni che, insieme ai rifugi, diventano luoghi per accoglienza e informazione. Come infrastruttura sul territorio abbiamo la Rete Escursionistica che è presente in ogni Regione e l'esperienza del CamminaItalia che delinea il tracciato escursionistico da S.Teresa di Gallura a Trieste, primato mondiale da riconsiderare e attualizzare.

Gli aspiranti AE hanno mostrato motivazioni e interesse a diventare "uomini del territorio" con la giusta visione d'insieme sul Cai e le sue strutture, per armonizzare azioni e condividere obiettivi. In programma gli appuntamenti nazionali con la giornata "In cammino nei parchi e Giornata dei sentieri" del prossimo 13 maggio, le settimane escursionistiche, le intese Cai-Parchi, le iniziative di educazione ambientale e l'ampio programma per le zone segnate dal terremoto.

Per la formazione il Cai ha indicato alcune materie obbligatorie così da favorire la necessaria base culturale comune. I corsisti ammessi saranno chiamati agli appuntamenti formativi del 2018 fino al mese di giugno con la conclusione del 6° Corso AE d'Abruzzo.

Filippo Di Donato
Presidente CCTAM del CAI
Direttore Scuola Escursionismo CAI Abruzzo.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro