Bienno (BS), inaugurato il percorso tematico "Il bosco di Quercus"

Percorribile a piedi o in mountain bike, il tracciato illustra le peculiarità dell'area con figure e personaggi realizzati in legno e metallo, che fanno parte di un racconto ispirato al genere fantasy. Ha collaborato il Gruppo CAI locale.

Il taglio del nastro

9 aprile 2019 - Domenica 7 aprile 2019 a Bienno (BS) si è tenuta l'inaugurazione ufficiale del percorso tematico Il Bosco di Quercus, progetto dell'Associazione Borgo degli Artisti di Bienno pensato e realizzato da Daniela Gambolò e Alberto Dalla Valle, portato avanti grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Bienno e del suo Ufficio Turistico, dell'Associazione Mtb Valcamonica e del Gruppo CAI di Bienno.

Presenti gli artisti e i rappresentanti degli enti coinvolti, tra i quali Massimo Maugeri, Sindaco di Bienno. Il Sindaco ha sottolineato l'importanza del progetto del percorso tematico nell'ottica di recupero dei boschi sopra il paese e delle loro ricchezze naturalistiche. Un progetto di circa due anni di confronti con associazioni, popolazione, esperti e cittadini per valorizzare un territorio nel quale si avvertiva l'esigenza di mappare in modo chiaro sia i tracciati per il trekking che per il mountain-biking, recuperando anche le stazioni del percorso-vita.

Buona la partecipazione di pubblico, tra cui erano presenti anche diverse famiglie con bambini. Lungo il percorso sono state illustrate le peculiarità del sentiero e dell'area, con riferimenti alle specie arboree presenti (da cui gli artisti hanno tratto ispirazione per la realizzazione delle opere). Sostando presso il portale, la mano con la pergamena, le due teste affioranti, lo spiritello Glandulae e lo spiazzo del Quercus (con spirito protettore, bastone magico e postazioni di stone-balancing) i partecipanti hanno colto l'occasione di familiarizzare con la realtà  della land art e delle sculture site-specific studiate in loco, ascoltando aneddoti e brevi letture volte a contestualizzare la storia del Bosco di Quercus, liberamente ispirata al genere letterario fantasy. Dal terreno del bosco, lateralmente rispetto ai sentieri e nelle piccole radure, emergono quindi ora figure e personaggi realizzati in legno, metallo ed altri materiali, che fanno parte di un racconto. Questo il testo riportato sulla pergamena all'ingresso da Antonella Adamo, calligrafa legata al Borgo Artisti:

Gli alberi del monte formano una grande famiglia: di notte, i loro spiriti escono dai gusci legnosi, si stiracchiano e con sguardi silenziosi condividono curiosità ed emozioni raccolte tra le fronde. La loro sintonia vivifica Quercus, il grande spirito del Bosco del Cerreto. Potente creatura misteriosa dotata di bastone magico, Quercus può assumere la consistenza delle nuvole, oppure animare un vero corpo di rami e corteccia. Poi c'è Silix, la dispettosa talpa-cinghiale... un essere puzzolente che si muove nel cuore della notte perché la luce del giorno ha il potere di tramutarlo in pietra. Tra foglie e fronde si aggirano infine i folletti protettori Primula, Cyclamen, Helleborus, Rubus, Glandulae e i troll sotterranei, le cui teste affiorano solo di raro dal terreno. A tenere un occhio su viandanti e creature del bosco c’è Rocco, il gufo della roccia! Il suo sguardo domina solenne l'intera vallata e le sue ali possenti ti aspettano al termine del percorso.

Di seguito un breve testo letto durante l'inaugurazione e liberamente ispirato alla figura del Quercus:

Spirito di bruma nella mattina d'inverno.
Foschia d'autunno che dalle valli lenta risale.
Aria di gocce, di Vespero e pioggia...

Lo spirito protettore del bosco ha un bastone potente e occhi di gufo.
Ha orecchie attente per cogliere le storie del bosco.
E la pazienza data dalla sopportazione degli attacchi dispettosi di Silix, la talpa-cinghiale.

Quercus è il custode, l'immenso protettore del Cerreto. E quando può e vuole, si palesa a quanti si avventurano lungo le sue vene di terra e sassi. Prende la forma di un grande albero: dita di rami, cuore di clorofilla, muscoli di legno possente. Una quercia grande e sapiente, dalle umane sembianze.

Un guardiano potente che fra i pensieri dei passanti scava, riportando la luce tra le ombre. E gettando spore di costanza, equilibrio e resilienza. Spore che dalla roccia vengono e alla roccia germogliano...

 

Associazione Borgo degli Artisti di Bienno

Segnala questo articolo su:


Torna indietro