Asvis, i risultati del festival dello sviluppo sostenibile

Anche il Club alpino italiano ha organizzato diverse manifestazioni ed iniziative: dall'evento "Il Sentiero Italia CAI per uno sviluppo sostenibile"ad Amatrice fino all'iniziativa "Villaggi degli alpinisti: turismo e identità montana" in Val di Zoldo

08 ottobre 2020 - La pandemia non ha fermato il Festival dello sviluppo sostenibile dell’ASviS. Con 812 eventi organizzati in tutto il Paese e nel mondo, grazie alla collaborazione del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), la manifestazione giunta alla sua quarta edizione ha coinvolto e sensibilizzato anche quest’anno decine di milioni di persone, soprattutto giovani. Un successo che conferma l’importanza dell’iniziativa i cui risultati sono stati presentati stamane alle istituzioni durante il tradizionale evento conclusivo, che si è svolto al MAECI e al quale hanno partecipato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il Vicesegretario Generale delle Nazioni Unite Amina J. Mohammed, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, il Commissario Europeo agli Affari Economici Paolo Gentiloni, il Commissario Generale per l'Italia a Expo 2020 Dubai Paolo Glisenti e la Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani Maria Cristina Pisani.

Anche il Club alpino italiano ha organizzato diverse manifestazioni ed iniziative, inserite all'interno del programma del festival: dall'evento "Il Sentiero Italia CAI per uno sviluppo sostenibile"ad Amatrice fino all'iniziativa "Villaggi degli alpinisti: turismo e identità montana" in Val di Zoldo, passando per l'evento "Riscoperta e rivalutazione dei percorsi fluviali tra paesi e metropoli del nostro territorio" fino a Climbing for Climate, in collaborazione con la rete delle università sostenoibili. Tutti gli eventi hanno avuto una buona partecipazione di pubblico. Infine, Asvis, Cai, WWF,Ispra, Snpa e Aias hanno orgnaizzato l'iniziativa "Ecosistema benessere. One health: verso una nuova visione interconnessa di salute.

“Il Festival dimostra ancora una volta il forte interesse della popolazione, delle imprese, dei giovani, delle reti della società civile per le tematiche che riguardano il futuro, il benessere e la protezione del pianeta”, ha commentato il Presidente dell’ASviS Pierluigi Stefanini. “La pandemia ha rafforzato il bisogno di risposte concrete e il successo che ha ottenuto l’edizione di quest’anno ci incoraggia nel nostro lavoro di continua e costante sensibilizzazione. Le istanze che sono emerse da questa manifestazione, soprattutto quelle delle giovani generazioni, ci spingeranno a cercare sempre nuovi spunti per coinvolgere fasce sempre più ampie della popolazione”.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro