Arrampicata junior, gran sfida al Palamonti

Domenica 27 gennaio l'appuntamento finale dell'Orobic Junior Climbing. Una disciplina, l'arrampicata tra i più piccoli, fortemente promossa dal CAI Bergamo

La parete di arrampicata del Palamonti

Che arrampicare piaccia anche ai bambini lo si sa, così come si sa che ai più piccoli alcuni movimenti, gesti propri della progressione sul verticale, vengono pure meglio. Cercando di coniugare spirito sportivo, approccio ludico e voglia di competizione, da alcuni anni è nato l'Orobic Junior Climbing: un circuito provinciale di arrampicata sportiva giovanile alla quinta edizione. Domenica la giornata conclusiva, al Palamonti, con le due ultime prove, in gergo speed e lead, ovvero difficoltà e velocità.

La manifestazione è partita alcuni mesi fa: a settembre e ottobre è stata la volta dei due incontri promozionali, rispettivamente a Ponteranica e a Nembro; quindi a novembre si sono svolte le prove boulder, nelle due tappe di Villa d'Ogna e Ponte San Pietro, e a dicembre - con la tappa di Brembilla - si è tenuta la terza prova, specialità lead.

I vincitori avranno la possibilità di accedere alle fasi regionali. Non certo casuale la scelta delle strutture che hanno ospitato le varie tappe dell'OJC: come dire, si è andati a casa degli organizzatori. Perché dietro la manifestazione vi sono coloro che in questi anni hanno creduto e voluto l'arrampicata per i più piccoli. Come il gruppo Koren di Gandino, il Cai Bergamo, le Lucertole di Brembilla, il Boulderclub di Villa d'Ogna, Pattini e Pareti di Ponteranica, STN-Cai Nembro, il Cai di Romano e di Ponte San Pietro.

Domenica 27 gennaio si inizia alle ore 14 con l'apertura delle iscrizioni e l'assegnazione dei pettorali. Poi tutti i piccoli atleti - almeno una settantina sono stati gi iscritti ad ogni tappa -, d'età compresa fra i 5 e i 16 anni e rigorosamente tesserati FASI, si sfideranno in parete.

Fonte: L'Eco di Bergamo

Segnala questo articolo su:


Torna indietro