Architettura moderna alpina: due incontri on line con la Fondazione Courmayeur

Domani pomeriggio si terrà "ArchAlp numero 4 Per una nuova abitabilità delle Alpi", la settimana prossima al centro la Slovenia, tra architetti e territori

14 ottobre 2020 - La Fondazione Courmayeur Mont Blanc promuove, nel mese di ottobre, due appuntamenti online nell’ambito del programma di ricerca Architettura moderna alpina, sviluppato in modo continuativo dal 1999.

ArchAlp numero 4
Per una nuova abitabilità delle Alpi
giovedì 15 ottobre 2020, ore 16.30
Giovedì 15 ottobre 2020 alle ore 16,30, in collaborazione con l’Istituto di Architettura Montana - IAM del Politecnico di Torino, è in calendario l’Incontro ArchAlp numero 4. Per una nuova abitabilità delle Alpi. Architetture per il welfare e la rigenerazione.
Le Alpi, negli ultimi decenni, hanno saputo capovolgere la propria marginalità, dando vita a esperienze in grado di porsi come modelli di riferimento per forme abitative alternative a quelle urbane. Rarefazione insediativa, qualità paesaggistica e ambientale, disponibilità di oggetti edilizi da recuperare e da trasformare, sono gli elementi su cui le recenti progettualità del mondo alpino stanno lavorando per costruire nuove prospettive per il territorio.
L’incontro è l’occasione per approfondire questi temi partendo dalla presentazione del numero 4 di ArchAlp, rivista internazionale di architettura e paesaggio alpino dell’Istituto di Architettura Montana. I progetti e le esperienze raccolte sono riconducibili ai temi del welfare e della rigenerazione dei territori: due grandi questioni, tra loro fortemente interdipendenti, che intrecciano la progettazione degli spazi fisici per i servizi alle comunità locali e la sperimentazione di nuove forme di sviluppo dei territori.
L’evento è accreditato ai fini della formazione professionale continua degli architetti e degli ingegneri.
Per partecipare occorre registrarsi qui.

Architetti e territori
Maruša Zorec in Slovenia
giovedì 22 ottobre 2020, ore 17.00
Giovedì 22 ottobre 2020 alle ore 17,00 è in calendario l’Incontro Architetti e territori. Maruša Zorec in Slovenia. Ereditare una tradizione, organizzato in collaborazione con l’Assessorato al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, con il patrocinio della rivista Casabella.
L’appuntamento è il terzo del ciclo Architetti e territori che nel quadriennio 2018-2021 si propone di approfondire la conoscenza di alcuni studi professionali che operano in paesi diversi, prevalentemente in contesti alpini, presentando il loro lavoro e indagando le relazioni con il territorio con il quale la loro architettura si misura.
L’Incontro è dedicato alla Slovenia, un Paese di estensione fisica ridotta che purtuttavia presenta un'ampia varietà di contesti paesaggistici e culturali. In questo contesto opera lo studio Arrea Arhitektura, fondato nel 2005 e guidato da Maruša Zorec (1965). Lo studio si è distinto per alcuni peculiari interventi di restauro e ampiamento di edifici storici, svolti con il supporto di una conoscenza della storia e con sensibilità nella valorizzazione degli elementi preesistenti in rapporto all'architettura contemporanea
L’evento è accreditato ai fini della formazione professionale continua degli architetti e degli ingegneri.
Per partecipare occorre registrarsi qui.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro