Appennino reggiano: sui sentieri di Casina

Camminando tra borghi e castelli con il Cai Reggio Emilia e i Gatti Randagi: appuntamento domenica 24 marzo 2019 con un anello che ricalca in parte la Via Matildica del Volto Santo .

Il luogo dell'escursione

18 marzo 2019 - Proseguono le escursioni organizzate dal Cai Reggio Emilia per scoprire gli angoli più belli dell'Appennino reggiano. Domenica 24 marzo verrà proposta, assieme al Gruppo Escursionistico Reggiano "Gatti Randagi", un'escursione ad anello sui sentieri di Casina. Questo territorio ha 115 km di sentieri che si prestano a numerose possibilità di percorsi escursionistici.

Dal territorio di Casina passano anche i tre lunghi trekking che attraversano l'Appennino reggiano: la Via Matildica del Volto Santo (o Sentiero Matilde), il Sentiero Spallanzani e il Sentiero dei Ducati.

L'anello proposto dal Cai e dai Gatti Randagi parte da Casina e nel primo tratto ricalca in parte il Sentiero Matilde. Dopo un breve tratto di strada asfaltata si sale al suggestivo complesso del Castello di Sarzano (681 m). "Già da questa posizione - spiega Elio Pelli, che guiderà gli escursionisti assieme al noto fotografo e alpinista casinese James Bragazzi - la vista è magnifica. Scesi verso la Madonna del Carrobbio, si sale sulla sinistra verso Monchio di Sarzano o de' Ferri (685 m). Qui il panorama si fa grandioso: l'occhio spazia dal Cimone al Monte Orsaro parmense. Il borgo di Monchio è particolarmente interessante per gli antichi edifici in pietra diligentemente restaurati".

Il percorso continua per comode carrarecce fino a Crocicchio (626 m). Da qui, abbandonato il Sentiero Matilde, ritornando verso Casina, si inizia a percorre il sentiero 656, scendendo a Cortogno (547 m). "Da questo borgo - prosegue il vicepresidente del Cai - scenderemo ancora verso il greto del torrente Tassobbio (450 m) sul sentiero 650. Risaliremo il Tassobbio in un ambiente selvaggio lontano dai paesi, fino ad arrivare al punto di partenza. Al termine dell'escursione, è previsto - per chi lo vuole - l'ormai tradizionale momento conviviale in una trattoria della zona". Il percorso è di 4 ore, soste escluse, per un dislivello di circa 300 metri. Info: www.caireggioemilia.it.

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro