Aperte le iscrizioni per partecipare al III incontro mondiale sui paesaggi terrazzati

"Paesaggi terrazzati: scelte per il futuro", organizzato con la collaborazione del CAI, è in programma dal 6 al 15 ottobre 2016 a Venezia, Padova e in 10 sedi locali in tutta Italia. Iscrizioni entro il 15 giugno 2016.

Dopo le edizioni cinese (Mengzi 2010) e peruviana (Cusco 2014), il III incontro mondiale sui paesaggi terrazzati si terrà nell'ottobre 2016 in Italia.

Il convegno sarà un’occasione unica per chi vuole partecipare attivamente alla generazione di idee e possibili scenari per il futuro dei paesaggi terrazzati in Italia e nel mondo. Il Meeting intende dare un forte impulso all'impegno internazionale per proteggere e valorizzare questi paesaggi nella loro polifunzionalità. Prendersi cura dei paesaggi terrazzati significa infatti riconoscere che essi possono assolvere ad istanze diverse: conservazione di un’eredità storico-culturale, funzionalità ambientale e idrogeologica, miglioramento della qualità della vita attraverso produzioni agroalimentari di pregio, senso di appartenenza e forme di sviluppo locale sostenibile.

Il III incontro mondiale sui paesaggi terrazzati si terrà dal 6 al 15 ottobre 2016 a Venezia (6 e 7 ottobre), Padova (13-15 ottobre) e in dieci sedi locali distribuite su tutta la penisola (8-12 ottobre).

I partecipanti possono iscriversi entro il 30 aprile 2016 (early registration) o il 15 giugno 2016 (late registration) al programma completo del'incontro (pacchetto “10 giorni per i paesaggi terrazzati”) o unicamente alla sessione plenaria a Padova (3 giorni).
Tutte le informazioni al riguardo si trovano alla pagina www.terracedlandscapes2016.it/registration/.

In ciascuna della sedi locali sarà approfondito un aspetto specifico della complessa realtà dei paesaggi terrazzati: a Trieste si discuterà di “ecologia e biodiversità”, a Topolò-Dordolla di “comunicazione artistica e culturale”, nel Canale di Brenta di “innovazione agronomica e sociale”, in Valpolicella-Valdobbiadene di “qualità del cibo”, a Trento di “norme e politiche”, in val d’Ossola di “costruzione e gestione dei muri a secco”, nel Canavese e in Valle d’Aosta di “paesaggio e turismo”, a Chiavari-Lavagna-Vernazza di “ambiente e rischio idrogeologico”, ad Ischia e nella Costiera amalfitana di “heritage e paesaggi rurali storici”, a Pantelleria di “raccolta dell’acqua, resilienza e aridocoltura”.
Il metodo di lavoro del congresso combinerà conferenze tematiche, scambio di esperienze in forma diretta, fiera per lo scambio di conoscenze (dare-to-share fair), dialogo con specialisti, dibattiti in piccoli gruppi, visite e incontri con testimoni locali, interventi di key note speakers in plenaria.

L'organizzazione dell'incontro è curata dalla sezione italiana dell'Alleanza Mondiale per i Paesaggi Terrazzati (ITLA), dalla Regione del Veneto, dall'Università di Padova e dallo IUAV di Venezia, in collaborazione con Italia Nostra, WWF Italia, Club Alpino Italiano e Slow Food.
Per le sedi locali: WWF Trieste, Associazione Topolò-Topoluove, Unione Montana Valbrenta, Comune di Marano Valpolicella, Provincia di Trento, Associazione Musei Ossola, CIPRA Italia, Comune di Lavagna, Comune di di Chiavari, Associazione Tu Quoque Vernazza – CNR Irpi, Club Alpino Italiano – Sezione di Napoli, Condotta Slow Food di Marsala.

Comunicato Terraced landscapes

Guarda il video di presentazione del III incontro mondiale:

Segnala questo articolo su:


Torna indietro