Anche il CAI Veneto ribadisce la propria contrarietà alla frequentazione dell'ambiente montano con i mezzi a motore

Il Gruppo regionale invita le istituzioni a definire le modalità di fruizione dei sentieri in modo chiaro e inequivocabile, con divieti e sanzioni. Chiede poi a Soci e appassionati di segnalare fatti di malcostume.

9 marzo 2017 - Le nostre montagne e le nostre zone pedemontane sono oggetto da anni di continue incursioni di mezzi motorizzati che ne percorrono i sentieri, le mulattiere, le strade agro-silvo-pastorali e che, uscendo pure dai tracciati, deturpano boschi e pascoli, ghiaioni, letti di torrenti. I segni di tale pratica rendono evidente a chiunque frequenti i nostri monti il carattere di vulnerabilità dal punto di vista ambientale.

Il deterioramento e conseguente degrado di molti tracciati percorsi abitualmente dalle moto da trial o da enduro o da quad avanza da una stagione all’altra in modo rapidissimo e irreversibile.
Il Club Alpino Italiano del Veneto conferma la propria contrarietà alla frequentazione della montagna per fini di svago con qualsiasi tipo di mezzo a motore: dalle moto ai quad, dagli elicotteri e alle motoslitte.

ll Codice della Strada (legge 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni) all’articolo 2 dice chiaramente quali sono le strade destinate alla circolazione dei mezzi motorizzati e, tra esse, non vi sono i sentieri, le mulattiere e i tratturi. Ve ne è quanto basta per affermare che la circolazione dei mezzi a motore sui sentieri è vietata dalla Legge.

Nel Veneto la viabilità, fuori dalle normali strade di circolazione, è normata dalla Legge regionale n. 14/1992: "Disciplina della viabilità silvo pastorale" e successive modifiche e dalla Delibera della Giunta Regionale n. 341/2012: "Nuove direttive per l'applicazione della 'Disciplina sulla viabilità silvopastorale”.

Auspichiamo che le Amministrazioni comunali, le Comunità montane, le Province, la Regione che insieme rispondono dell’uso del territorio, ognuna per le proprie competenze, vigilino e con apposite ordinanze, ove ancora non emesse, definiscano in modo chiaro e pubblico le modalità di fruizione sia nel periodo invernale che estivo dell’uso dei mezzi a motore, stabilendo divieti e, qualora ritenuto necessario, inasprendo le sanzioni a carico dei trasgressori.

Riteniamo che forse sarebbero sufficienti maggiori controlli per limitare questo fenomeno anche se comprendiamo che le carenze di organici a tutti livelli ne limitino l’applicabilità.
Come CAI della Regione del Veneto invitiamo i soci, i non soci o qualsiasi persona voglia segnalare fatti di malcostume ad accedere al nostro sito http://www.caiveneto.it utilizzando il forum di contatto.

La segnalazione servirà per capire l’entità del fenomeno e come meglio indirizzare un’azione di sensibilizzazione e di segnalazione alle Autorità competenti.

Comunicato CAI Veneto

Segnala questo articolo su:


Torna indietro