Ambiente, a Ragusa primo incontro con le associazioni ambientaliste

La Sezione locale del CAI e altre associazioni attive nella zona hanno incontrato i rappresentanti della nuova Giunta comunale

Ragusa

Si è svolto lunedì 8 luglio a Palazzo dell’Aquila a Ragusa il primo incontro tra l’assessore alle Politiche del Territorio e per l’Ambiente Claudio Conti (presente anche l’assessore ai Centri Storici Giuseppe Dimartino) e le associazioni ambientaliste della città: CAI, FAI, CIRS, Legambiente, Speleo club ibleo, LIPU e Gruppo micologico ipleo.

La riunione è servita a focalizzare le criticità e le problematiche ambientali su cui costruire un rapporto di collaborazione condiviso e partecipativo per la risoluzione dei problemi e la promozione di politiche ambientali.

“L’intenzione di questa amministrazione – ha esordito l’assessore Conti – è quella di aprirsi totalmente all’esterno, ai soggetti che sono impegnati a promuovere attività a favore dell’ambiente, iniziative che faremo nostre in modo da offrire ai cittadini quanti più servizi possibili per la fruizione del territorio”.

Molti i temi citati dai partecipanti su cui potere avviare un lavoro sinergico: dal Parco degli Iblei, al tema scottante dell’inquinamento delle sorgenti, dalle micro discariche abusive di inerti disseminate nel territorio alla gestione dei rifiuti, dal Piano paesistico al verde agricolo urbano, dal sistema delle vallate alla messa in sicurezza delle latomie, dall’utilizzazione della diga di S. Rosalia all’erosione costiera, dalle ricerche petrolifere alle isole ecologiche.

Particolare attenzione è stata posta al tema dell’inquinamento idrico che rimane una criticità da affrontare sotto diversi punti di vista. Rosario Ruggieri, presidente del CIRS, ha evidenziato la particolare natura carsica del sottosuolo che facilita la penetrazione di agenti inquinanti nelle falde acquifere, per cui “bisognerebbe tutelare le zone di rispetto”.

“Tenteremo di trovare una soluzione che sia compatibile – ha rimarcato l’assessore Conti – sia con la salvaguardia delle sorgenti che delle aziende agricole interessate, che potranno avere la possibilità di dotarsi di un marchio di compatibilità ambientale con l’adozione di buone pratiche agricole. Per noi il bene acqua è prioritario”.

Sui rifiuti, argomento ripreso da più parti, l’assessore ha assicurato che l’amministrazione punterà sulla raccolta differenziata spinta, allargata a tutta la città, il servizio verrà pagato dal cittadino in base ai rifiuti prodotti e non ai metri quadrati di superficie: “stiamo predisponendo un bando europeo per l’affidamento del servizio, ci vorranno 6-9 mesi per la nuova gestione dei rifiuti urbani, nel frattempo chiederemo alla ditta Busso di rispettare il capitolato d’appalto".

Fonte: Ondaiblea

Segnala questo articolo su:


Torna indietro