Alpinismo giovanile Cai Ravenna, il racconto della ripresa delle attività

"Dentro tutto questo emergono fatiche nuove, lo spostamento spesso inconsapevole anche se motivato, dal NOI (valore del gruppo, momento sociale fondamentale per la crescita e la condivisione) all’ IO (scelte individuali)"

17 agosto 2020 - Il protocollo per l'alpinismo giovanile è arrivato, ma nel trasformare il “desiderio del fare” nella “realtà da ricostruire” abbiamo scoperto due tipi di difficoltà: le norme limitative  e le nostre singole paure di accompagnatori condizionate da caratteristiche caratteriali ed esperienziali. Sembrava facile negli incontri su skipe,  meet,  google   ecc. ecc. pensare, parlare , ipotizzare , rilanciare l’AG modificando in nostro modo di operare  per agire con oculatezza e responsabilità il nostro ruolo, in questo“strano” momento dove tutto è certo e niente sicuro.Poi di fronte a documenti da far firmare, di fronte al pensare  luoghi diversi, con conduzione modificata e numeri diversi dove fare attività; di fronte al dover mantenere le distanze e la mascherina, considerare i mezzi di trasporto e le norme che cambiavano velocemente...e poi di fronte alla fatica di trovare le parole giuste, efficaci per motivare famiglie e ragazzi,frastornati come noi da questo lungo e intenso periodo, verso quel “Patto Educativo”(P.E.)  che abbiamo sempre cercato di condividere.

Dentro tutto questo emergono fatiche nuove, lo spostamento spesso inconsapevole anche se motivato, dal NOI (valore del gruppo, momento sociale fondamentale per la crescita e la condivisione) all’ IO (scelte individuali).Emergono i silenzi e le attese di tanti e la tenacia pur preoccupata di pochi. Ma alla fine, guardandoci negli occhi, siamo partiti!

5 luglio 2020.Attività aperta anche ai genitori: Totale Presenze 26 (6 accompagnatori titolati o qualificati, 6 genitori, 14 ragazzi/e età 8-15 più bimbo di 5 anni come mascotte!). Mezzi: Auto di genitori e accompagnatori.  Luogo:percorso di crinali attorno a Premilcuore(FC) verso la cima di m. TIRAVENTO (Q. 1043). Dislivello380/550 metri. Divisione in due gruppi. Momenti di condivisione/lezioni in luoghi ampi e stabiliti. Risultato: la soddisfazione di esserci da parte di tutti, pur in una giornata calda e a quote basse e l’incoraggiamento a organizzare altre giornate

1-2 agosto 2020. Attività aperta solo a ragazzi/e da 10 a 17 anni. Totale presenze 12 (3 Accompagnatori più un allievo Corso ASAG e 8 ragazzi/e. Mezzi: auto degli accompagnatori. Luogo: bivacco in tenda nei pressi del Rif. Segavecchia in zona Corno alle Scale e salita al m. LA NUDA (Q. 1828) Dislivello: 1000 m. Note:il montaggio delle tende all’imbrunire e la consapevolezza di dormire da soli in ogni tenda è stata una esperienza intensa come un meteo che ha regalato scariche elettriche per tutta la notte senza mai arrivare alla pioggia. Alcuni partecipanti non avevano mai vissuto situazioni simili ma tutti erano fortemente motivati ad esserci pur con qualche timore gestito dagli accompagnatori al meglio. Risultato:Il gruppo, anche grazie al numero limitato, si è dimostrato coeso e carico, aiutandosi reciprocamente  e aspettandosi anche durante la ripida salita del giorno dopo. La soddisfazione e gli sguardi dei ragazzi i loro occhi brillanti come le lucciole ritardatarie viste nella breve escursione notturna del sabato sono il vero motivo per cui non dobbiamo perderci d’animo nel continuare ad offrire esperienze di crescita come futuri uomini e donne nonche eventualmente alpinisti. Consapevoli che, come anche avviene in montagna, “il rischio 0” non esiste pur cercando di applicare al meglio e con tutte le strategie le norme che ci richiede questo difficile momento. Se ci pensiamo bene il loro sorriso e la loro gratitudine, indipendentemente dell’età è quello che ci spinge a non mollare!!! Noi di Ravenna ci siamo!

Alpinismo giovanile Cai Ravenna

Segnala questo articolo su:


Torna indietro