Accordo fra il CAI Toscana e la FIE Toscana per la manutenzione dei sentieri

L'intesa fa seguito a quella stipulata a livello nazionale dalle due associazioni e ha come obiettivo principale la fruibilità dei sentieri, oltre alla salvaguardia dell'ambiente e la promozione della frequentazione della montagna.

Lungo il Sentiero Italia CAI in Toscana

22 luglio 2019 - Le organizzazioni regionali toscane di CAI e FIE, facendo riferimento all’accordo definito dalle stesse associazioni a livello nazionale, hanno sottoscritto a Saltino nella foresta di Vallombrosa, un protocollo d’intesa per stabilire la collaborazione fra le sezioni CAI che presidiano il territorio e i gruppi associati FIE corrispondenti.

Fermo restando il principio generale di ricercare insieme l’obiettivo di valorizzare il territorio attraverso l’escursionismo, cooperando nei progetti locali e nelle iniziative pubbliche finalizzate alla salvaguardia del patrimonio ambientale e alla diffusione della frequentazione anche dei centri minori, il tema prioritario e di maggiore concretezza, sarà quello di garantire insieme, attraverso una adeguata manutenzione, la fruibilità dei sentieri.  Ovviamente ciò sarà possibile nei limiti delle reciproche capacità operative. Attualmente questa attività è svolta quasi esclusivamente dalle sezioni CAI ed è molto importante coinvolgere altri soggetti interessati a percorrere i sentieri.

Come previsto già dall’accordo nazionale il riferimento operativo saranno i manuali del CAI.
In Toscana esiste già una importante area escursionistica dove coincidono obiettivi comuni; si tratta per noi del Sentiero Italia CAI e per la FIE il sentiero europeo E1. I percorsi non sono perfettamente sovrapposti ma insistono entrambi sul crinale appenninico e nelle vicinanze, presentando in molti tratti complessi problemi di manutenzione.

I due presidenti regionali Angelo La Torre per la FIE e Giancarlo Tellini per il CAI, hanno espresso l’auspicio che dalla collaborazione fra i rispettivi presidi territoriali, l’escursionismo nel nostro territorio possa fare un ulteriore salto di qualità a favore dei numerosi frequentatori.

CAI Toscana

Segnala questo articolo su:


Torna indietro